PRECAST Design » Elenco News » Biancofiore, Ance: Necessario un piano per prevenzione e sicurezza
Biancofiore, Ance: Necessario un piano per prevenzione e sicurezza
del 10/10/2016

Biancofiore, Ance: Necessario un piano per prevenzione e sicurezza: per ogni miliardo investito ricaduta economica di 3,3 miliardi e 17.000 nuovi occupati
 
Uno sviluppo del territorio che preveda l’infrastrutturazione e la rigenerazione delle città come poli di aggregazione sociale, culturale, economica. Adeguamenti sismici ed energetici degli edifici con una crescente attenzione alla qualità del costruito. Un’edilizia pubblica alle prese con stringenti vincoli di bilancio e con le novità introdotte dal Codice degli Appalti atteso da anni per accelerare e semplificare gli investimenti pubblici ma, in pratica, non ancora in grado di dare sostegno alla ripresa del settore.
Sono questi i principali temi che sono stati affrontati durante il convegno nazionale ‘Il cantiere Puglia: scenari e prospettive’ organizzato a Bari da ANCE Puglia questa mattina  nella Sala Convegni di Confindustria Bari e BAT. «Per fare ripartire l’economia nella nostra regione e del Paese – commenta il presidente di ANCE Puglia Gerardo Biancofiore – bisogna dare linfa al settore delle costruzioni, un comparto strategico che consentirebbe, per ogni miliardo investito, una ricaduta complessiva sull’economia pugliese di 3,3 miliardi e 17.000 nuovi occupati, di cui 11.000 nelle costruzioni e 6.000 in settori dell’indotto. La prima infrastruttura di cui ha bisogno la nostra, come tutte le regioni italiane, è la sua sicurezza per la quale chiediamo un piano serio, credibile e trasparente di riqualificazione, prevenzione e cura del territorio per minimizzare il rischio sismico e idrogeologico».
Dopo i saluti del presidente di Confindustria Bari e BAT Domenico De Bartolomeo,  del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e del sindaco della Città Metropolitana di Bari Antonio Decaro, i lavori sono stati aperti dalla relazione introduttiva del presidente di ANCE Puglia Gerardo Biancofiore. Sono seguite poi due tavole rotonde. Durante la prima, intitolata ‘Il cantiere Edilizia’, interverranno il direttore del Centro Ricerche Economiche e Sociali del Mercato dell’Edilizia Lorenzo Bellicini, l’assessore alla Pianificazione territoriale e Urbanistica della Regione Puglia Annamaria Curcuruto, il vice presidente ANCE all’Edilizia e Territorio Filippo Delle Piane, il presidente di ANCE Bari e BAT Beppe Fragasso e il presidente Anci Puglia Luigi Perrone.  Alla seconda tavola rotonda ‘Il cantiere Lavori Pubblici’ hanno partecipato il vice presidente ANCE alle Opere Pubbliche Edoardo Bianchi, il vice presidente di Acquedotto Pugliese Lorenzo De Santis, il presidente di ANCE Brindisi Pierluigi Francioso, l’assessore Infrastrutture, Mobilità e Lavori Pubblici della Regione Puglia Giovanni Giannini, il deputato della Repubblica Italiana Salvatore Matarrese, il coordinatore per l’internazionalizzazione delle imprese italiane delle infrastrutture e dei grandi progetti ANCE Massimo Rustico.?A concludere i lavori la presidente dei Giovani Imprenditori dell'Ance Roberta Vitale "La mia proposta è che la Regione Puglia potrebbe lanciare un Piano di azione di “Sviluppo sostenibile del territorio” e diventare un modello a livello nazionale. Un piano strategico proposto con il supporto scientifico di istituzioni come l’Enea, per mettere in sicurezza il patrimonio edilizio pugliese (per il 60% obsoleto, inefficiente) partendo da zone a rischio sismico e dissesto idrogeologico. E' fondamentale in quest'ottica stabilire obiettivi per un piano nel segno dello sviluppo sostenibile nelle sue tre componenti: economica, sociale e ambientale. Un piano che potrebbe essere finanziato con incentivi fiscali e fondi europei." 

Notizia letta: 2203 volte
Torna alla Lista News »