PRECAST Design » INCONCRETO n.138 » Dallo studio delle conchiglie e spugne di acque profonde un nuovo supercalcestruzzo
Dallo studio delle conchiglie e spugne di acque profonde un nuovo supercalcestruzzo

I ricercatori del MIT stanno cercando di "ridisegnare" il calcestruzzo - il materiale dall'uomo più utilizzato in tutto il mondo - seguendo gli "schemi della natura".

In un documento pubblicato online sulla rivista del MIT, viene presentato uno studio per per realizzare una pasta di cemento con la struttura e le proprietà dei materiali naturali come le ossa, conchiglie e spugne di acque profonde. Come i ricercatori hanno osservato, questi materiali biologici sono eccezionalmente forti e durevoli, grazie in parte al loro preciso assemblaggio di strutture a più scale di lunghezza, dal molecolare alla macro, fino al visibile.

Dalle loro osservazioni, il team, guidato da Oral Buyukozturk, un professore del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale (CEE) del MIT, ha proposto un nuovo approccio "bottom-up" per la progettazione di pasta di cemento.

"Questi materiali sono assemblati in modo affascinante, con i costituenti semplici organizzati in configurazioni geometriche complesse, e sono anche belli da osservare", dice Buyukozturk. "Vogliamo vedere che tipo di micromeccanismi esistono al loro interno tali da fornire proprietà superiori, e come possiamo adottare un approccio simile a base di building-block per il calcestruzzo."

"Se siamo in grado di sostituire il cemento, parzialmente o totalmente, con  altri materiali che possono essere facilmente e ampiamente disponibile in natura, siamo in grado di raggiungere i nostri obiettivi per la sostenibilità", afferma Buyukozturk.

"Vogliamo cambiare la cultura e iniziare a controllare il materiale alla mesoscala."

Ecco il LINK all'articolo originale: news.mit.edu/2016/finding-new-formula-for-concrete-0526

Articolo letto: 2718 volte