PRECAST Design » INCONCRETO n.136 » Amalgamma: una nuova tecnologia per la Stampa 3-D in Calcestruzzo
Amalgamma: una nuova tecnologia per la Stampa 3-D in Calcestruzzo

Questa tecnica potrebbe cambiare radicalmente il modo di stampare in 3-D delle costruzioni.

4 Studenti del Master della Bartlett School of Architecture, Francesca Camilleri, Nadia Doukhi, Alvaro Lopez Rodriguez and Roman Strukov - . hanno pensato di rivoluzionare gli attuali sistemi di stampa 3D.

Il quartetto di studenti ha dato vita ad “Amalgamma”, un team che ha come obiettivo quello di spingere ai confini l’architettura stampata con tecnologie 3-D. Per il primo loro progetto, chiamato “Fossilized”,  hanno utilizzato una macchina con bracci robotici per stampare strutture in calcestruzzo di grandi dimensioni 3-D che ricordano la struttura delle placche tettoniche della Terra, creando dei disegni meticolosamente dettagliati e incredibilmente ornamentali.

Secondo Amalgamma, la più grande barriera all'ingresso quando si tratta di utilizzare la stampa 3-D in architettura è la dimensione della stampante 3-D stessa. Se si desidera stampare un intero edificio in una sola volta, avreste bisogno di una stampante 3-D, che è più grande della struttura proposta. Per questo tutti si stanno movendo nella direzione di adottare un approccio modulare, producendo piccoli pezzi di costruzione per poi metterli insieme come dei Lego in loco.

La squadra “Amalgamma” pensa che questo approccio sia noioso, sostenendo che molti esempi attuali di architettura stampati 3-D sono "estremamente rivoluzionari e avanzati dal punto di vista tecnico", ma poco più che "assiemi di costruzione stagnanti", in realtà.

Per andare oltre i confini di architettura convenzionale il gruppo ha utilizzato un computer, che ha il controllo di un braccio robot per stampare strati-che permette strutture per essere molto più grande di tutto ciò che potrebbe andare bene in, dire , una stampante MakerBot. Non è un approccio del tutto singolare; questa è la stessa idea che il designer olandese Joris Laarman sta perseguendo per la stampa 3-D di un ponte in acciaio ad Amsterdam.



Ma Amalgamma ha voluto fare di più che stampare strutture che erano più grandi degli oggetti convenzionalmente stampati in 3-D. Il team ha voluto creare una serie estetica completamente nuova: utilizzando il braccio del robot, i progettisti hanno estruso strati di malta di cemento più e più volte, in un periodo di sei a dieci ore. Diversamente dalla maggior parte delle stampanti 3-D, la tecnica di Amalgamma prevede che ogni strato di cemento sia un po' diverso di quello precedente, creando delle strutture che sembrano stati assemblati come sezioni tettoniche.

Finora, i progettisti hanno stampato utilizzando questa tecnica una colonna, un tavolo e un vaso. Ma se il braccio fosse più grande si potrebbe aumentare la dimensione delle strutture. Si veda l’esempio nel video allegato.

Vedi il VIDEO:

L'obiettivo finale è quello di sfidare altri architetti a pensare oltre il mattone, e tornare alla domanda fondamentale che rende la stampa 3-D così eccitante: se si potesse stampare 3-D  qualsiasi forma o oggetto che si possa immaginare, cosa vorresti fare?

Articolo letto: 2533 volte