PRECAST Design » INCONCRETO n.139 » La sicurezza è più di un obbligo: le linee Guida ASCC per il settore del calcestruzzo
La sicurezza è più di un obbligo: le linee Guida ASCC per il settore del calcestruzzo
REDAZIONE INCONCRETO

Interessante articolo su "Concrete Construction" dedicato alla sicurezza e alla mentalità con cui questa deve essere affrontata.

Scott Greenhaus, direttore della Safety Council & Risk Management di ASCC (American Society of Contractors Concrete) non ha dubbi: il "Cambiamento nel nostro modo di guardare la sicurezza in edilizia non passa attraverso procedure e programmi ma attraverso l'impegno e il coinvolgimento di dirigenti di una società al più alto livello. L'obiettivo è quello di spostare la sicurezza da qualcosa che deve essere rispettato per qualcosa che è veramente creduto."

Due anni fa, l'American Society of Contractors Concrete ha emesso un nuovo piano strategico con l'Obiettivo n. 1  di "aumentare il numero di imprenditori che veramente dimostrano un impegno personale per la sicurezza".

E per Greenhaus "La sicurezza non è un'astrazione, e interessa entrambe le società e le persone. Nel corso degli anni, ho visto gli atteggiamenti cambiare nel nostro settore. C'è una consapevolezza che gli incidenti non succedono per caso e possono essere prevenute. Siamo maturati al punto in cui comprendiamo meglio che se sicuri e sani, i dipendenti sono più motivati, più produttivi e più efficaco. Soprattutto tra i giovani, i nostri futuri leader, c'è un'aspettativa di rispetto e di maggiore interazione, e  siamo in grado di lavorare in modo più intelligente, più efficienti. "

Alla conferenza ASCC autunno 2015, Greenhaus ha introdotto quello che lui chiama un programma di sicurezza basato sul comportamento di alcuni leader del settore costruzioni in calcestruzzo: "La chiave è quello di coinvolgere attivamente i leader aziendali," afferma Greenhaus. "Stiamo passando da un mondo di conformità ad uno di convinzione basata sul fatto che certe cose non si fanno non perché dobbiamo, ma perché è la cosa giusta da fare."

Per leggere l'articolo: LINK

Articolo letto: 2142 volte