PRECAST Design » INGENIO n.32 » Verniciatura di strutture metalliche: applicazione e verifiche
Verniciatura di strutture metalliche: applicazione e verifiche
Marco Torricelli

Riprendendo la serie di post sulla norma EN 12944 parliamo della parte 7 dedicata all'esecuzione e alla sorveglianza dei lavori di verniciatura. La norma si applica sia ai lavori di verniciatura eseguiti in officina sia a quelli eseguiti in cantiere.

Viene definito il principio secondo il quale gli operatori che eseguono lavori di verniciatura devono essere qualificati e certificati da un organismo accreditato. Non si specifica però il significato pratico della richiesta in quanto non viene definito il quadro normativo dell'eventuale accreditamento.
Comunque se l'impresa che esegue i lavori è certificata ISO 9001 (Qualità) allora deve predisporre un Piano della Qualità in cui descrive le modalità di lavoro applicate alla commessa specifica allegando le procedure di esecuzione e controllo che adotterà.

Relativamente ai materiali vernicianti si specifica che devono essere conservati in luogo chiuso ad una temperatura compresa tra 3°C e 30°C e per un tempo non superiore a quello indicato dal produttore.

L'applicazione dei prodotti deve avvenire secondo le specifiche dei produttori. Un occhio particolare va posto alla temperatura superficiale del pezzo da verniciare. Non deve essere inferiore alla temperatura di rugiada ambientale del momento.

Per il controllo della verniciatura vengono suggeriti esami visivi ed esami strumentali.
Visivamente si consiglia di verificare l'uniformità, il colore, il potere coprente ed eventuali difettosità come crateri, bolle, ecc.
Strumentalmente si consigliano prove sullo spessore della pellicola secca (secondo la ISO 2808), prove di adesione (secondo la ISO 2409 o ISO 4624) e prove di porosità mediante sonda ad alta o bassa tensione.
Nella misura dello spessore della pellicola secca occorre che l'impresa esecutrice e il proprio committente definiscano i criteri di accettabilità della prova, di registrazione dei dati, oltre che il piano di campionamento, i metodi e gli strumenti da utilizzare e le modalità di taratura della strumentazione.


 

Articolo letto: 4288 volte