PRECAST Design » La ricostruzione “metallica” del Sense Hotel di Sofie
La ricostruzione “metallica” del Sense Hotel di Sofie
Stefania Alessandrini
L’acciaio interpretato in una doppia facciata dal sapore sperimentale
 
 
La progettazione dell’Hotel Sense nella città di Sofia (Bulgaria) ruota attorno alla ricostruzione di un edificio storico, situato in Tsar Osvoboditel Boulevard, una delle strade più prestigiose della città .
Come è possibile notare osservando l'opera di Lazzarini Pickering, l’intero progetto dell’hotel crea un dialogo attento con il luogo storico, nonostante la sua forma innovativa.
 
 
Grazie alla una base, rifinita in pietra, l’edificio mostra la sua continuità con gli edifici vicini.
Al di sopra, una facciata caratterizzata da una superficie vetrata interrotta da una griglia metallica che ne definisce i pattern delle finestre delle camere.
Pannelli fissi si alternano con finestre rettangolari regolabili che forniscono aria fresca, in alternativa al sistema di condizionamento meccanico.
Se si considera poi la creazione della seconda facciata interna si può parlare di una vera e propria sperimentazione formale.
Una facciata la cui configurazione cambia in relazione alle esigenze dirette degli ospiti dell'hotel.
 
 
Essa è composta da una serie di pannelli opachi regolabili che possono essere utilizzati per modulare o schermare il rapporto tra  interno ed esterno.
In continuo movimento, i pannelli sono finiti in un caldo giallo dorato , omaggio alle cupole d'oro della Cattedrale di Alexsander Nevsky , la cui immagine si riflette nella trasparente facciata dell'hotel.
 
 
L'effetto finale è quello di un edificio con un aspetto sempre diverso.
La continua apertura e chiusura dei pannelli interni rivela o nasconde la vita all'interno dell'hotel e anima la seconda facciata opaca. Un effetto ancor più evidente di notte quando gli ospiti dell’hotel accendono le luci all’interno delle loro stanze.
 
 
Salendo ai piani superiori la forma dell'edificio arretra cedendo il passo ad una struttura in acciaio sempre più “solitaria” che da prismatica si trasforma in una ziggurat. Qui troviamo le suite, tutte con terrazza privata , e lo Skybar.
 
 
DATI DEL PROGETTO
Tipologia: Hotel
Luogo: Sofia, Bulgaria
Anno: 2013
Struttura: metallica
Architetti: Lazzarini Pickering Architetti
Interior Design: Architectural Group Tzonkov
Collaboratori: Barbara Fragale, Giuseppe Postet, Daniela Ogis, Antonio Cavallo, Andrea Di Laurenzio, Carlo Guerrieri, Jenny Hammer, Eva Christine Schenck, Francesca Wunderle
Foto: Matteo Piazza 
 
Fonte: ARCHIDAILY
Articolo letto: 2068 volte