PRECAST Design » INGENIO n.19 » L'analisi termoflussimetrica: un utile ausilio per la diagnosi energetica
L'analisi termoflussimetrica: un utile ausilio per la diagnosi energetica
Fabrizio Dellachà

La termoflussimetria consiste nel rilevare il flusso termico che attraversa un continuo: è una tecnica diagnostica non invasiva e non distruttiva che consente, mediante misure e calcoli, di valutare la trasmittanza termica (U) operativa di un dato componente edilizio.

In edilizia è fatto assodato che sia d'obbligo il collaudo a fine lavori delle opere e dei manufatti eretti. Il collaudo altro non è che la verifica finale di quanto realizzato in modo che si dimostri aderente e rispondente al progetto e di conseguenza conforme ai valori minimi di Legge ammessi.

Si ricorda che la disciplina del collaudo prevede che l'incaricato certi?catore/collaudatore sia nelle condizioni di terzietà rispetto al progettista, costruttore, committente e che non abbia alcun conflitto di interesse con gli attori coinvolti nel processo edificatorio.

Tralasciando dalla seguente trattazione quanto attiene il collaudo tecnico/amministrativo, obbligatorio per le OOPP, vediamo qui di seguito quali e quanti collaudi siano da effettuarsi a fine lavori.
• Strutture: si verificano con il Collaudo Statico (ex NTC 2008).
• Acustica: si redigono le valutazioni di Impatto e Clima Acustico in ottemperanza ai valori limite fissati (Legge Quadro n°447 del 26/10/1995, DPCM 14/11/1997, DPCM 5/12/1997).
• Prestazioni Energetiche: si produce l'Attestato di Prestazione Energetica (APE) che verifica quanto dovrebbe essere stato disposto in sede progettuale tramite la Relazione di Contenimento dei Consumi Energetici ex L.10/91 e s.m.i.

Ebbene, proprio per quanto attiene la verifica delle prestazioni energetiche - sebbene per i nuovi edifici la certificazione energetica vada fatta con il metodo analitico, che si differenzia dal metodo semplificato o tabellare (utilizzato per gli edifici esistenti) tramite l'esplicitazione di calcoli effettuati valutando la prestazione energetica a partire dai dati di ingresso del progetto energetico dell’edificio - ci si può riferire, in mancanza di tali dati od in caso di contenzioso in atto, a valutazioni operative effettuate in ottemperanza ad una specifica norma per misurare in loco alcune grandezze termofisiche fondamentali, quali la trasmittanza termica, dei componenti edilizi.

Figura 1: le strategie attuabili per la valutazione della Trasmittanza Termica


Questo tipo di misurazioni si riferisce ovviamente a precise norme tecniche che codificano ed uniformano le condizioni, le procedure, la qualifica degli operatori e la strumentazione con cui i singoli test vengono condotti, in modo da standardizzare le prove stesse e garantire quindi uniformità e replicabilità di risultati (che risulteranno pertanto tra loro confrontabili), dietro il rispetto di dette norme.
La prima distinzione da fare, prima di affrontare un qualunque metodo di analisi e di indagine operativa, è tra le prove distruttive (come lo sono, ad esempio, i carotaggi) e le prove non distruttive (dette anche NDT – non destructive testing o anche PND – prove non distruttive) quali la termografia agli infrarossi (TT-IR) e la termoflussimetria.

Figura 2: le norme per la valutazione della Trasmittanza Termica attraverso il calcolo o la misura in loco


Dato l'elevato numero di ispezioni (siano esse distruttive che non distruttive) effettuabili, in questa sede tratteremo (per ovvie ragioni di sintesi dell'articolo) la sola analisi termoflussimetrica.

Articolo letto: 3042 volte